Up Revolt Home » Revolt Surf Destinations » Papua Nuova Guinea Slideshow

Papua Nuova Guinea

Oceano Indiano

Nuova Guinea Surf0
Nuova Guinea Surf2
Nuova Guinea Surf3
Nuova Guinea Surf4
Nuova Guinea Surf6
Nuova Guinea Surf7
Nuova Guinea Surf11
Nuova Guinea Surf12
Nuova Guinea Surf8
Nuova Guinea Surf9
Nuova Guinea Surf14
Nuova Guinea Surf15
Nuova Guinea Surf5 Nuova Guinea Surf13 Nuova Guinea Surf16 Nuova Guinea Surf7

PAPUA NUOVA GUINEA

Una nuova e ancora da scoprire Surf destination.

La Papua Nuova Guinea è la più grande isola del mondo dopo la Groenlandia. Una catena montagnosa la attraversa da ovest a est con picchi che superano i 4000 m. È in gran parte coperta da una foresta quasi impenetrabile, interrotta da altopiani aridi simili a savane. Nelle zone piane si allargano vasti acquitrini e paludi alluvionali formati da una fitta rete di fiumi, fra cui il più importante è il Sepik, che scorre per 1120 km verso la costa settentrionale. Questo paese ha offerto agli antropologi l'opportunità di entrare in contatto con antichissime popolazioni, sparse in villaggi piccolissimi tra le giungle delle montagne, di cui fino alla seconda metà del ventesimo secolo si ignorava l'esistenza. Ancora oggi molte tribù, pur avendo contatti con la civiltà moderna, continuano a vivere come i loro antenati cacciatori-raccoglitori dell'età della pietra.

Superficie: 463.000 kmq.
Abitanti: 5.500.000.
Capitale: Port Moresby.
Aeroporti: l'aeroporto internazionale di Jackson Field è situato a 8 km. dalla capitale.
Lingua: la lingua ufficiale è l'inglese.

Miglior periodo: (stagione secca): da dicembre a marzo.

In Papua Nuova Guinea esistono più di 750 lingue, il che ha reso necessaria l'istituzione di una lingua franca. Negli ultimi anni il pidgin (o neo-melanesiano) ha acquisito importanza e prestigio. È una lingua molto divertente da imparare; si tratta di un idioma derivato principalmente dall'inglese e dal tedesco con parole prese da molte altre lingue, ma possiede solo 1300 vocaboli. Un'altra lingua diffusa è il motu, la seconda lingua della zona di Port Moresby.
Religione: la maggior parte degli abitanti afferma di praticare il cristianesimo, le cui forme più diffuse sono il cattolicesimo, la chiesa evangelica luterana e la chiesa riformata. Hanno anche un folto seguito le credenze panteistiche e i riti tradizionali, che sono parte integrante della cultura locale.
Popolazione: la Papua Nuova Guinea è suddivisa in quattro gruppi regionali, culturali e politici: i Papuani (del sud), gli abitanti delle Highland, i Guineani (del nord) e gli abitanti delle isole. Alcuni dividono la popolazione in Papuani (discendenti prevalentemente dai primi popoli giunti sull'isola) e Melanesiani (imparentati più strettamente con i popoli del Pacifico sud-occidentale), ma i confini che separano queste definizioni sono molto labili. La Papua Nuova Guinea fu colonizzata solamente nel XIX secolo e fu spartita tra Olanda, Prussia e Inghilterra. In tempi recenti la parte orientale dell'isola passò sotto il controllo dell'Australia e successivamente ottenne l'indipendenza nel 1975, mentre l'Indonesia occupava la parte occidentale dell'isola. Seguirono anni di lotta tra gruppi indipendentisti che si rivoltarono sia contro l'Indonesia che contro il governo del nuovo stato indipendente della Papua Nuova Guinea. Queste lotte contribuirono a impoverire il paese e a creare una classe di emarginati che ha causato un aumentare del rischio di criminalità, specialmente nell'area della capitale Port Moresby.

Fuso orario: 9 ore in più rispetto all'Italia.
Clima: in gran parte del paese le piogge sono concentrate tra dicembre e marzo e la stagione secca dura da maggio a ottobre. Durante i due mesi di transizione (aprile e novembre) il tempo tende a essere sgradevolmente afoso.
Elettricità: la corrente elettrica è di 240 volt e in alcuni alberghi c'è anche la presa a 110 volt.
Documenti: il passaporto valido per almeno un altro anno ed il visto.
Vaccinazioni: è richiesto il vaccino contro la febbre gialla ai viaggiatori con un'età superiore ad un anno provenienti da zone considerate infette. Consigliate l'anticolerica e la profilassi antimalarica.
Prefissi telefonici: per telefonare in Papua Nuova Guinea, il prefisso internazionale è 00675, per tutto il Paese. Per chiamare l'Italia, comporre lo 0039 seguito dal codice telefonico della località.
Mance: non si usa dare le mance.
Orari banche e negozi: le banche sono aperte dal lunedì al giovedì dalle 09.00 alle 14.00 ed il venerdì dalle 09.00 alle 17.00. I negozi sono aperti dalle 09.00 alle 17.00 con orario continuato, dal lunedì al venerdì, e il sabato dalle 09.00 alle 12.00. Alcuni sono aperti anche alla domenica.
Giorni festivi: 1° giugno, compleanno della Regina; 23 luglio, giornata delle Rimembranze; 16 settembre, anniversario dell'Indipendenza e della Costituzione; 26 dicembre, Boxing Day.
Curiosità: In Papua Nuova Guinea vi sono una serie di feste nazionali e di festival molto suggestivi. Queste ricorrenze costituiscono una buona occasione per assistere ai "Sing Sing", danze e cerimonie tradizionali. Quelle da non perdere sono: tra maggio e giugno il "Kula Festival", rituale scambio di collane e bracciali fatti con conchiglie; a giugno il "Port Moresby Show", con celebrazioni tradizionali e moderne; verso la fine di agosto il Festival di Mount Hagen, grande raduno di tribù con danze e costumi tradizionali; a settembre il Festival di Malangan, due settimane di manifestazioni tra cui le famose danze sugli alberi; il 16 settembre l'Anniversario dell'Indipendenza, con cerimonie e "Sing-Sing" celebrati in tutta la nazione. Per conoscere le date precise di queste festività è bene rivolgersi al Tourism Development Corporation di Boroko (tel. 00675-272521) oppure alla Papua New Guinea High Commission di Londra (tel. 0171-9300922 fax. 0171-93008289).
Cucina: la cucina locale è a base di carne, pesce, verdure varie e frutta tropicale; diffusa la cucina internazionale. Sono numerosi i ristoranti stranieri: europei, indonesiani e cinesi.

 

Climate
Papua New Guinea is just to the south of the equator and has a tropical climate. In the highlands, though, temperatures are distinctly cool. The (very) wet season runs from about December to March. The best months for trekking are June to September.
GEOGRAPHY
The country is situated on the Pacific Ring of Fire, at the point of collision of several tectonic plates. There are a number of active volcanoes, and eruptions are frequent. Earthquakes are relatively common, sometimes accompanied by tsunamis.
The country's geography is diverse and, in places, extremely rugged. A spine of mountains, the New Guinea Highlands, runs the length of the island of New Guinea, forming a populous highlands region mostly covered with tropical rainforest. Dense rainforests can be found in the lowland and coastal areas as well as very large wetland areas surrounding the Sepik and Fly rivers. This terrain has made it difficult for the country to develop transportation infrastructure. In some areas, airplanes are the only mode of transport. The highest peak is Mount Wilhelm at 4,509 metres (14,793 ft). Papua New Guinea is surrounded by coral reefs which are under close watch to preserve them.

INFO SURF PAPUA NUOVA GUINEA: http://www.surfingpapuanewguinea.org

 

Barbados1


15 Immagini | Revolt Surf Destinations | Revolt Surf Store |
© Copyrights: Revolt Surf - All rights reserved - www.revoltsurf.com